Return to site

DUE STORIE

CHE PORTIAMO A TEATRO

· EVENTI,TEATRO,EDUCATORI,ADOLESCENTI,FEDE

Un’altra novità interessante per il prossimo anno saranno le due sceneggiature teatrali che proporremo ai gruppi come possibile cammino parallelo e integrato. La proposta nasce sempre dal confronto e dalle verifiche fatte insieme. Prende vita, in particolare modo, da altre due motivazioni: quella di poter permettere ai ragazzi di entrare maggiormente nella narrazione che accompagnerà il percorso; e dare una possibilità in più a chi, come gruppo parrocchiale, già si cimenta con questo tipo di attività.

Le due narrazioni che proponiamo sono inedite. La prima è la trascrizione per teatro del primo libro della saga “I custodi delle promesse - L’isola di Kotev”. Mettersi in gioco per realizzare questo spettacolo significa dare ai ragazzi un mezzo per vivere la storia da protagonisti e cogliere da questa prospettiva i contenuti del percorso. Inoltre, con la messa in scena,  viene data la possibilità di rendere partecipi anche altre persone (genitori, amici, parrocchiani ecc.) del cammino che si sta facendo.

La seconda sceneggiatura, invece, si chiama Un tuffo nella vita. È la trascrizione teatrale di un romanzo che ha per protagonista una adolescente che si ritrova a fare i conti con una gravidanza inattesa. Dovrà decidere se tenere o meno il bambino, se continuare la storia con il suo ragazzo, come comunicare la notizia ai genitori e gestire le conseguenze di tutto questo. Cercherà di capire chi realmente la può aiutare a capire come gestire tutto questo e prendere le decisioni più adeguate. È uno spettacolo meno impegnativo del precedente a livello di struttura narrativa, e che permette di andare a toccare temi delicati come la vita nascente, l’aborto, le relazioni con i genitori e gli adulti significativi che possono aiutare.

Entrambi verranno messi a disposizione dei gruppi che partecipano al cammino Nello sguardo di un Altro. Ringraziamo fin d’ora il gruppo di Roma che si è già impegnato a mettere in scena lo spettacolo dei Custodi.

Affidiamo tutto alla Vergine Maria Regina degli Angeli. Nella festa del Perdono di Assisi, possa custodire tutto nel suo grembo fecondo, di cui la Porziuncola ne è immagine.

All Posts
×

Almost done…

We just sent you an email. Please click the link in the email to confirm your subscription!

OKSubscriptions powered by Strikingly